Un progetto che guarda al mondo e alle sue manifestazioni attraverso la lente del femminile.
La molteplicità come chiave di lettura della complessità.

Riflessi, pensieri e narrazioni tra miti, archetipi, pedagogia e psicologia alla ricerca di equilibri ed equilibrismi possibili.

Tutte però arrivano da una comune matrice formativa, incontrata in anni e modi differenti, la Pedagogia Interazionale e lo Studio di prassi pedagogica "Dedalo" di Milano.

 

Ciò che le ha unite in questo progetto è l'interesse e la curiosità verso il mondo e il codice femminile quale luogo privilegiato di esperienza, osservazione e narrazione. Uno sguardo capace di generare una visione nuova sul mondo, sull'educazione, sulle relazioni, sulla vita. Un percorso di ricerca che mira a favorire e a far emergere la molteplicità dei percorsi culturali possibili.



Dopo un primo evento, nel dicembre 2010, che le ha viste riunite in una serata chiamata appunto "Amazzone o Penelope - La parte delle madri - " (una delle conferenze in programma tra gli eventi culturali dello Studio Dedalo di Milano),  il gruppo si definisce e comincia ad elaborare il progetto culturale che lo sostanzia, e quindi a promuoverlo.



Il secondo evento, del 2011, "Donne, Dee e Demoni - Le maternità possibili - " nasce dall'incontro tra due progetti: il primo Amazzone o Penelope, e quello contenuto in un'antologia "Maternità possibili" curata, tradotta in italiano da due editrici e giornaliste bulgare. L'antologia contiene una raccolta di testimonianze di donne, relative al loro rapporto con le dimensioni della maternità.

 

A queste sono seguite altre iniziative:

 

- nel 2012 "Parole e silenzi, ascoltare la maternità e l'imprevisto", in collaborazione con un Centro di Riabilitazione e un Gruppo di Auto-mutuo aiuto di genitori di bambini con sordità;

 

- nel 2014 un evento dal titolo "Tessere mondi. Donne nell'intreccio di ruoli" sul tema della conciliazione maternità e lavoro (all'interno della cornice "Donne equilibriste-Di donne ce n'è più d'una" progetto realizzato nell'ambito dell'iniziativa regionale "Progettare la parità in Lombardia") e "Donne in Viaggio. Echi, voci e letture" in occasione della giornata mondiale del rifugiato, lettorato che ha avuto luogo in un Centro di accoglienza per donne titolari di protezione internazionale.

 

 

 





 





 

 

 

IL PROGETTO

"La parte delle madri" 

"Tessere Mondi. Donne nell'intreccio di ruoli" 

"Donne in Viaggio. Echi, voci e letture" 

​Amazzone o Penelope   

Il progetto Amazzone o Penelope nasce nel 2010 ad opera di un gruppo di professioniste dell'educazione, e si struttura a partire da  una riflessione sul femminile, e si apre sulla pluralità di sguardi che, ogni giorno, le donne sono chiamate a gettare sul mondo.

Amazzone o Penelope si delinea come un progetto pedagogico e culturale che, attraverso serate a tema, eventi, conferenze, percorsi di formazione,  invita chi lo incontra ad incontrare le polarità e le complessità del vivere e dell'educare, esplorandole grazie alle voci di chi opera ogni giorno nel mondo dell'educazione.

Realizzazione sito Pontitibetani
 Monica Cristina Massola
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now